RISULTATI

U13F
Prima fase UISP


U13M
Prima fase UISP


U14F
Prima fase UISP


U16F
Prima fase UISP


U17M
Prima fase UISP


SDF
prima fase FIPAV




[U13] TSEC/Cuatto – la metamorfosi
di Erik Viotti (26/11/2016)

Oggi giochiamo in casa per la prima volta questa stagione. Incontriamo le ragazze del Cuatto di Giaveno, squadra di tutto rispetto.
Cominciamo a giocare male. Molto male. Erroracci, soprattutto dalle nostre giocatrici più esperte. Facce lunghe, cambi e timeout a ripetizione, rassegnazione in campo. Sembra che la partita sia già decisa, e che la nostra U13 voglia concedere una facilissima vittoria alle avversarie.
E in un attimo ci troviamo in panchina, dopo il secondo set, sotto di due a zero.
Ma perchè non provarci? Perchè non cominciare finalmente ad essere al 100% e vedere che succede? Dai!
E succede qualcosa, succede che al di là della rete cominciano ad arrivare i primi errori, e al di qua le ragazze cominciano a crederci un po' di più... Quelle battute diventano più tese, quella palla non la si lascia cadere, quella ricezione è più precisa... E vinciamo il set 26 a 24!!
A questo punto ci si diverte davvero, la grinta è tornata a scorrere nelle nostre vene, e anche il quarto set è nostro.

Quinto set, tie break. Ho come l'impressione che sarà un set molto importante di questa prima fase di campionato. Il Cuatto non molla, i loro attacchi sono ben piazzati e cominciamo ad andare sotto di qualche punto... il tempo si ferma sul 14 a 10 per loro e siamo tutti con il fiato sospeso, quando facciamo punto la palla è nostra ma loro hanno 3 match point.
In panchina siamo in silenzio. Alla battuta c'è il capitano. Sonia batte forte, a filo del nastro. Punto. E batte, breve scambio, punto. E continua a battere, forte, decisa, determinata, concentrata. Punto, punto. Nell'altro campo c'è disorientamento, la situazione si è incredibilmente ribaltata.
Sonia batte. La ricezione avversaria è imprecisa, tentano il recupero ma la palla muore contro la rete e rimbalza per terra, mentre noi saltiamo in aria dalla gioia.

Abbiamo vinto. Grazie ragazze per aver dimostrato (soprattutto a voi stesse) che tutto può succedere.







Notizia precedentetutte le notizieNotizia successiva